Cani e ansia di separazione dal padrone: quali sono le soluzioni?

Essere soli fa sentire i cani insicuri. I cani sono animali da branco per natura e stare in un gruppo offre loro forza e protezione: la solitudine può quindi innescare problemi emotivi. A nessun cane piace la solitudine, ma per alcuni può anche causare grossi problemi. L’ansia da separazione può svilupparsi in giovane età, a causa della negligenza, per esempio. Eppure può anche manifestarsi in seguito, dopo un’esperienza particolarmente traumatica, ad esempio una vacanza prolungata del proprietario, un trasloco o un trasferimento in un’altra famiglia.

L’ansia di separazione è dunque una delle condizioni comportamentali più comuni per un cane, ma poche persone la riconoscono a meno che questo stato d’animo dell’animale non comporti forti disagi anche per il suo proprietario. Ma quali sono le soluzioni?

Trattandosi di un problema psicologico tale deve essere la risposta e potrebbe essere molto utile rivolgersi a un addestratore. Ma cerchiamo di passare in rassegna velocemente le possibili soluzioni, con alcuni consigli utilli su come agire. Con una premessa: se il tuo cane soffre di ansia da separazione acuta è più saggio assumere un comportamentista di cani.

ANSIA DA SEPARAZIONE DEL CANE, PRIMA DI TUTTO RICONOSCERE I SINTOMI

I lamenti, l’abbaiare, la distruzione dei mobili, l’autolesionismo e la pipì in casa sono sintomi tipici dell’ansia da seprazione. Anche il rifiuto del cane di mangiare/bere da solo o la sua eccessiva eccitazione e iperattività al tuo ritorno. È importante essere in grado di riconoscere questi sintomi, non bollandoli come semplici fastidi o come sbalzi di umore del cane.

NON PUNIRE IL CANE

L’ansia da separazione deve quindi essere affrontata come tale:qualunque cosa tu faccia, non punire il cane per le sue azioni, ma rassicuralo.

ABITUA IL CANE A STARE DA SOLO

Puoi aiutare a prevenire l’ansia da separazione facendo abituare il tuo cane a stare da solo sin da cucciolo. Bisognerebbe sempre iniziare con pochi minuti alla volta e aumentare gradualmente fino a diverse ore. Prova a scomparire per brevi intervalli durante il giorno andando in un’altra stanza e ritornando dopo pochi minuti. Comportati come se nulla fosse e ricompensa il tuo cane con una sorpresa se rimane calmo e rilassato. Continua a ripetere questo meccanismo finché non uscirai di casa per un breve periodo. Se il tuo cane lo trova troppo stressante, interrompi l’esercizio e ricomincia il processo dopo qualche giorno. Il tuo cane deve imparare che non c’è nulla di spaventoso nello stare da solo e che non è una punizione.

Tuttavia, non devi mai lasciare il tuo cane da solo per un giorno intero: anche i cani che non mostrano comportamenti problematici sono più infelici da soli rispetto che in gruppo. Se lasci regolarmente la tua casa per periodi prolungati, allora organizzati con un dog sitter che si occupi del tuo amico a quattro zampe. I cani che non sono abituati ad essere lasciati da soli fin dalla tenera età a volte sviluppano l’ansia da separazione. È quindi importante riconoscere i sintomi e affrontare la causa principale del problema.

EVITA LE CONDIZIONI DI STRESS

Il primo consiglio è quello di evitare condizioni aggiuntive di stress, come forti rumori (anche legati ai temporali) , che potrebbero peggiorare la loro condizione. Esistono in commercio anche alcuni prodotti che possono alleviare questo problema, come giochi e ossi antistress.

AUMENTA LA FIDUCIA DEL CANE

Aumentare poco alla volta il tempo di solitudine del cane è importante, ma la chiave del successo se si parla di ansia da separazione è un po’ più complicata. I cani che soffrono di grave ansia da separazione tendono a perdere la fiducia in se stessi. Questo potrebbe essere il risultato di un’esperienza traumatica, per esempio. Il trucco segreto per risolvere l’ansia da separazione è quindi ricostruire la loro fiducia. Hanno bisogno di sentirsi rassicurati dal fatto di vivere in un caldo “nido” con un “branco” che non li abbandona. Quindi, la tua priorità numero uno dev’essere quella di fornire quel nido rassicurante. Assegna al tuo cane un rifugio tranquillo in casa, in un luogo in cui si senta al sicuro e rilassato, e portalo a fare lunghe passeggiate, impegnandolo con un sacco di giochi e tanto affetto.

PRIMA DI LASCIARLO SOLO… STANCALO

Assicurati che il tuo cane sia stanco e felice prima di salutarlo e lasciarlo da solo. Portalo a fare una passeggiata impegnativa per fargli scaricare tutte le energie in eccesso. Così a casa sarà calmo e rilassato.

EVITA L’ANSIA DEL DISTACCO CON GESTI SEMPLICI

Quando afferri le tue chiavi, scambi le ciabatte con le tue scarpe, correndo da una stanza all’altra perchè magari sei in ritardo, ti esibisci in modelli comportamentali specifici quando ti stai preparando a lasciare la tua casa. Il tuo compagno canino è intelligente e quindi pensa: Aiuto! Il mio capo branco se ne sta andando! Per evitare questa associazione automatica, prova ad eseguire le stesse azioni quando NON stai per uscire di casa: prendi le chiavi, metti il cappotto e poi rimani semplicemente a casa. Se dissoci il tuo comportamento dall’ansia di separazione del tuo cane, il suo panico per la tua partenza diminuirà. Lascia la casa solo se il cane è totalmente rilassato e a suo agio. Se il tuo cane tende a esagerare con l’eccitazione al tuo ritorno, allora salutalo in un modo calmo, ma amichevole. Dimostragli che sei felice di vederlo, ma evita di incoraggiare la sua iperattività. Non arrabbiarti mai con lui, ma invece rassicuralo e mostragli la fiducia che desidera ardentemente.

CHIAMA UN DOG SITTER

Avere un dog sitter può essere la soluzione ideale per fornire al tuo cane la compagnia di cui ha bisongo quando non sei a casa. Tuttavia, può esserci un problema. A volte l’ansia da separazione non significa solo che il tuo cane non può essere lasciato solo; in alcuni casi semplicemente non può sopportare di separarsi da te, il suo “capobranco”. Il tuo cane può quindi diventare confuso se viene improvvisamente lasciato con un umano “nuovo”. Se non riesci a presentarlo al tuo dog sitter nel modo giusto (aumentando gradualmente la sua sicurezza e fiducia), allora può rivelarsi un’esperienza traumatica per lui. Assicurati di scegliere la persona giusta e falla conoscere al tuo cane poco per volta. Portalo a fare una lunga passeggiata con il dog sitter e successivamente esplora insieme a lui la casa del dog sitter. Se hai organizzato il soggiorno a casa del sitter per il tuo cane, porta la sua cuccia, la coperta preferita e altri oggetti a lui cari, per farlo sentire a casa. E assicurati che il dog sitter gli dia tutto l’amore e le coccole che gli daresti tu. In questo modo si sentirà rapidamente al sicuro e a suo agio in sua compagnia.